PDF Stampa E-mail


Visionari, ottimisti, resistenti, gente che incassa bene. Siamo questo e di più! Un gruppetto etto etto di persone che si sono intestardite nella bella e difficile idea altra di letteratura, ma non solo; poveri pazzi che provano ad andare controcorrente, in un mondo di giganti che basterebbe solo un loro sbuffo a spazzarli via, che cercano di dare voce a quelli che scrivono senza essere ghost, per esempio, e fiducia a quelli che una scuola di scrittura figa non la frequentano, e non solo per quanto costa, altro esempio.
Nel grande circo della cultura, nello sfavillante mondo della letteratura, dove l’obiettivo primario degli scrittori pare essere diventato la ribalta di un teatro o lo scenario accattivante di uno studio televisivo, noi siamo piccoli, piccolissimi, infinitesimali, niente. Non siamo allineati. Noi cerchiamo di incontrare la cultura della gente e dare voce agli altri, dove questi altri sono quasi sempre e quasi tutti over e dove il termine over, per Officine Editoriali, non indica solo un dato anagrafico (over 40, over 50) o identificativo (disoccupati, poveri, neri, vecchi, malati) ma significa disagio nella sua accezione più ampia, disagio vissuto come malessere, inadeguatezza, inadattabilità, diversità. Perché un disagio over, per definizione, è un disagio sopra le righe.
Con la nostra minuscola Officine Editoriali possiamo aprire un sentiero, solo un sentiero e piuttosto impervio, ma pur sempre una indicazione.
Ci piacerebbe una cultura più umile, una letteratura più vera.
Ci piacerebbe credere che uno scrittore potesse essere valutato per ciò che scrive e non per i Santi in Paradiso che ha.
Ci piacerebbe che ci fosse meno confusione e che le parole venissero usate per ciò che realmente significano, a partire da quelle esotiche.
Per tutto questo valutiamo severamente ogni lavoro che arriva in redazione e le nostre pubblicazioni sono il risultato di un editing serio e profondo.
Forse ci siamo imbarcati in una impresa impossibile ma “se riusciamo a sognare una cosa possiamo anche realizzarla.” Conquistare noi stessi fa parte di questa impresa e, se raggiungeremo dei meriti, saranno i nostri lettori a riconoscerli. 


 


MARA PANTANELLA

 

alt

MARCO SAMBRUNA